Social: come farti vedere di più?

Un chiarimento necessario

Ti chiedi ancora come fare a usare bene i social network?

 

 

L’approccio “classico” ai social

Lo spunto di questa mail mi arriva da un paio di aule recentissime nelle quali si parla di marketing con i social e di influencer.

Classica domanda: “Io ho un prodotto, come posso usare i social per farlo vedere di più?

E’ inutile nascondersi. Tutti pensiamo ai social come un nuovo canale di visibilità, per mettere in mostra di più quello che facciamo.

E tutti postiamo con quello scopo.

Questo perchè sui social “ci sono tutti” e ragioniamo sulla classica comunicazione “ho un prodotto da far vedere”.

Aggiungiamo anche un’altra verità: si possono usare senza pagare…

Ma è la logica giusta?

Spesso i numeri e le interazioni sui nostri contenuti (engagement), oltre ai risultati di business, ci confermano di no.

 

La logica per i social network

La visibilità nei social bisogna guadagnarsela usando le logiche dei social. Non basta mettere una bella foto di un prodotto.

Il marketing con i social è cambiato. La logica social ha ribaltato la vendita.

Ce lo insegnano coloro che sui social ci investono e hanno un seguito alto.

Bisogna dare priorità alla creazione dell’audience!

Cioè prima mi garantisco un alto numero di persone che vedrà i miei contenuti poi posso anche inserire un prodotto.

Se continuo a postare il classico “chi sono” e “cosa faccio” non si crea un audience interessante.

Dopotutto tu cosa guardi sui social?

I social sono intrattenimento. Solo con questa logica puoi creare un audience per non parlare sempre con parenti e clienti fedelissimi 😁.

 

La regola della community

Per garantire un audience ci sono due modi. O la si conquista o la si paga. Anche entrambe insieme eh?

Conquistarla significa creare una community di persone che decidono di seguirci, di interessarsi ai nostri contenuti e di interagire.

E cosa devi fare per la creazione del seguito? Comunicare la tua distintività la tua unicità, la tue differenza. Dopotutto siamo in un sistema saturo.

Se vendi e basta e metti solo contenuti di prodotti pensi solo al vantaggio per te stesso e non per l’utente.

Se l’audience si innamora di quello che sei si innamorerà in automatico anche di quello che fai. Questa regola ce l’hanno insegnata anni fa i blogger e più recentemente gli influencer.

Vale a dire: inizia dandomi un motivo per il quale devo interessarmi a te. La famosa differenza, il posizionamento del marketing, lo storytelling.

E sui social questo motivo non è “sono sul mercato da 30 anni” o “ho un prodotto di alta qualità”. Ma “so intrattenerti e condividere contenuti utili che vale la pena seguire”.

 

Il ruolo dell’organizzazione

Ovviamente questi contenuti devi comunicarli in modo costante.

So cosa pensi: “Non è facile”. Beh se fosse facile saremmo tutti a posto 😁.

Certo, per guadagnarsi visibilità con i contenuti sui social ci vuole costanza quindi un’ottima organizzazione delle risorse.

Avere followers è come cercare potenziali clienti e fidelizzare quelli che si hanno, cioè è un’attività di marketing ed è normale che ci vogliano risorse.

Se vuoi fare un gradino in più non è possibile pensare di cercare clienti senza spendere.

L’alternativa ad investire tempo? Investire soldi! Che è il secondo modo per garantire un audience.

Avrai notato, infatti, che ormai tutti stiamo investendo sulle inserzioni a pagamento.

Insomma, il gratis sui social ormai è un miraggio, prendine coscienza.

La maggior parte delle aziende invece continua ad usare i social come ulteriore vetrina sperando che i loro contenuti vengano visti. Ma non è così a causa degli algoritmi e della competizione di un mare di contenuti nati per i social.

Di conseguenza rischia di venir visto tutto come una perdita di tempo.

Ma non si può mollare 💪.

Il social sono uno strumento per sapere le cose in modo indiretto. La maggior parte delle informazioni delle quali veniamo a conoscenza passano attraverso un social media, come, ad esempio, Facebook, Instagram, Youtube o Whatsapp.

Non esserci nel modo giusto è una grossa perdita di opportunità.